Io le dissi ridendo -Ma signora Aquilone, non le sembra un po' idiota questa sua occupazione?
Lei mi prese la mano e mi disse -Chissà? Forse in fondo a quel filo c'è la mia libertà.

domenica 4 dicembre 2016

Cogito ergo post

Decido di scrivere questo post quando mancano poche ore alla fine della giornata referendaria e ancora non si parla di risultati.
http://guardforangels.altervista.org
Per parecchi mesi la mia principale fonte di informazione sul referendum costituzionale di oggi è stato Facebook. Infatti, da qualche tempo, insieme ai link sugli animali torturati e sulle ultime tendenze bio-vegan-crudiste-km0 e ai post dei mai una gioia, era tutto un io voto No, basta un Sì, la costituzione è NOstra. Da un lato, i politicanti baldanzosi, i fanatici dell' "io posto ad ogni costo", dall'altro, i disfattisti, quelli incarogniti di non avere capito una mazza, che si lagnano degli argomenti dominanti del pueblo e attendono speranzosi il prossimo simposio sulla fisica quantistica.
Tra gli uni e gli altri, i non votanti e i votanti silenziosi, così poco social; coloro che si ritengono fortunati se in tasca trovano gli spiccioli per il caffè, ma la verità, quella no, non l'hanno ancora trovata.
Costoro, si badi bene, un'opinione ce l'hanno, dimessa, umile, intessuta di dubbi. Veramente poco social.
La mia, affidata a queste righe, è la seguente. Gli intenti e i contenuti di questa riforma sono, a mio avviso, condivisibili, pertanto io ho votato SI'. E sono convinta che i detrattori sarebbero stati meno numerosi se a farsi portavoce delle ragioni del SI' non fossero stati un bulletto con lo smartphone e la sua madamigella in tacco 12. Certo, si poteva fare di più, ma evidentemente tra il dire e il fare c'è di mezzo la schizofrenia della compagine politica italiana, un elefante che in tanti anni non è riuscito a partorire il topo.
Il topo oggi è questa "riforma dimezzata", ma dire che non basta, che si poteva fare anche questo o quello, è un modo comodo per farsi bastare uno slogan, arrivederci e grazie.
Il topo, secondo alcuni, è uno scempio, perché "la Costituzione non si tocca". Umilmente penso che si possa amare, conoscere, rispettare la nostra Costituzione pur adattandola alla modernità. E chissá se tutti quelli che oggi accusano Benigni di essere un venduto conoscono anche solo le prime dieci parole della sacra Carta che difendono.
Il topo, secondo altri, è in realtà un mostro famelico che porterà a una "deriva autoritaria" delle "lobby dei poteri forti", riducendo sempre di piú la "sovranità popolare". Chapeau. Ammetto il mio limite verso il complottismo; non sono così astuta. Chiedo venia, sono quella che fino all'ultimo colpo di scena del film non sospetta dell'assassino.

-----------------------------------------
Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.

domenica 29 maggio 2016

Ora che so, non dimentico

Da www.tra.tv
Quattro anni fa abitavo nel mio appartamento di Modena, ero sola in casa e proprio come ora mi stavo preparando l'aerosol per combattere i miei soliti malanni respiratori.
Di lì a poco mi sarei ritrovata seduta sul letto con un cuscino in testa, perfettamente in asse rispetto al lampadario che oscillava spaventosamente. Mi sarei quindi precipitata in strada, dove avrei incontrato gli occhi terrorizzati dell'elettricista, che stava eseguendo dei lavori nei garage interrati e si era pensato già morto, intrappolato sotto un palazzo di sei piani. Avrei visto scendere nugoli di vicini mai visti prima, gente attaccata ai cellulari nel vano tentativo di contattare i parenti. Mi sarei diretta verso la scuola di mia sorella, dove i bimbi, tra lo spaventato e il divertito, erano stati radunati in giardino, e con lei avrei trascorso una mattinata a spasso per il quartiere, insieme all'esercito di coloro che solitamente il quartiere lo spiano dalle finestre. Sarebbero seguiti giorni di tende nei parchi, famiglie che dormivano in macchina, serate di birre collettive all'aperto in cui tutti sapevano di fracking, faglie e piane alluvionali, di cellulari perennemente connessi alla app dell'INGV, diventata in pochi giorni più popolare di Facebook, di "l'hai sentita quella di stamattina?" e "senti che vento, tra poco ne arriva un'altra".
Posso dire di avere capito davvero cosa sia stato quel terremoto solo ora che vivo e lavoro nella Bassa. Ora che vedo tutti i giorni le chiese puntellate, i tetti sfondati, i muri feriti, le vie dei centri storici che sembrano il Far West, i container con le antenne paraboliche e gli stendini, i negozi nei prefabbricati. E soltanto adesso ho la visione chiara che a Modena quel terremoto fu poco più che un grosso spavento e una scampagnata di isteria collettiva, perché il bombardamento, quello da cui non sfuggi con un cuscino in testa, era qui, dove ci sono persone che ancora oggi non sono rientrate nelle loro case di allora.
Oggi su Facebook sarà giornata di IO NON DIMENTICO. Io avevo dimenticato, perché se non sai, dimentichi.


-----------------------------------------
 Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.

lunedì 6 luglio 2015

Era solo un gatto

Quando ero triste non faceva domande, non enfatizzava, non minimizzava, non dava consigli. Era solo un gatto.
Quando ero arrabbiata non mi diceva "stai esagerando", "adesso calmati", "modera i termini". Era solo un gatto.
Quando facevo scelte avventate, cambiavo idea, tornavo sui miei passi  non mi guardava con disapprovazione, non giudicava. Era solo un gatto.
Quando le parole restavano giù, aggrovigliate e inespresse, non mi suggeriva che avrei dovuto buttarle fuori alla rinfusa, né che invece avrei dovuto spingerle più giù ancora. Era solo un gatto.
Se mi svegliavo mi aspettava fuori dalla porta, se gli parlavo rispondeva in un solo modo, se mi accoccolavo sul divano arrivava lì, se rientravo con la macchina era sul balcone a guardarmi rientrare, se suonava il campanello allora non ero io e allora tanto valeva nascondersi. Semplice. Non c'erano risentimenti, rancori, ripicche, vendette. Era solo un gatto.
Un gatto, il mio. Quello che aveva una notte per farmi innamorare di lui, perché a me i gatti e le loro unghie mi inquietano, e sembrano sacchetti pieni di sabbia; e ci è riuscito. Il compagno più discreto, leale, fedele degli ultimi sette anni della mia vita.
Aveva un cuore balordo, il mio Romeo. Sono tornata piangendo dalla sua prima visita perché io già lo amavo e sembrava dovesse finire troppo presto. E invece si è preso un bel pezzetto della mia vita e in poche ore di una giornata forse troppo calda per lui se lo è portato con sè.
Non vedrà mai la casa nuova dove lo avrei portato fra poche settimane, il giardino dove lo immaginavo a giocare al gattaccio di strada. Ma ancora una volta è riuscito a stupirmi, a precedermi in qualsiasi pianificazione, perché lui adesso è là ad aspettarmi, in quel giardino.
Grazie Romeo. Sei solo un gatto, mi diranno. E per fortuna è proprio così.

-----------------------------------------
Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.

mercoledì 7 gennaio 2015

La libertà di essere inopportuni

Da www.corriere.it
Tra le tante vignette satiriche di Charlie Hebdo mostrate in queste ore, ho scelto questa.
L'ho scelta perchè la trovo inopportuna e di cattivo gusto. Irride la religione che permea l'ambiente in cui io sono cresciuta, quella del catechismo che ho frequentato, dei sacramenti che ho fatto, di molti dei valori in cui tanti miei connazionali (credenti, praticanti, atei) si riconoscono.
Per me, come per colei che, da afroeuropea e musulmana, firma questo post (lo consiglio!), si può e si deve ridere di tutto. E aggiungo che  tutte le libertà, anche quella del cattivo gusto, devono essere difese. Perché la nostra storia, quella dei cittadini dell'Unione europea, ha attraversato tanti dolorosi capitoli in cui persone sono morte per difendere le libertà che oggi noi possiamo dare per scontate.
Mi sono interrogata ultimamente, e ancora più oggi, sull'islam. Ho letto e riletto il post di cui sopra...."A ogni attentato vorrei urlare e far capire alla gente che l’islam non è roba di quei tizi con le barbe lunghe e con quei vestiti ridicoli. L’islam non è roba loro, l’islam è nostro, di noi che crediamo nella pace." 

Pochi giorni fa, a Istanbul, in visita alla moschea blu, una signora con il capo velato è entrata nella parte riservata ai fedeli, transennata per i turisti. Appena l'agente della sicurezza se n'è accorto, l'ha subito raggiunta e allontanata. Le donne, ancorché musulmane, non possono pregare dove pregano gli uomini, ma in un'area riservata.
Io non riesco a vedere libertà in una religione che permette ancora questo. Non riesco a vederci pace, nè uguaglianza. Certo, l'islam non è quello dei fanatici che sparano o sgozzano; ma non è nemmeno, mi pare, una religione che accetta e accoglie. Siamo diversi, ancora tanto diversi.
In tutte le religioni c'è un sotteso di oscurantismo e superstizione; e anche il cattolicesimo, che ha radici più antiche, ha conosciuto una lunga parabola di odio e intolleranza. Probabilmente siamo sfasati di qualche secolo.
Inutile e dannoso esacerbare le differenze; ma forse anche negarle.


-----------------------------------------
Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.

sabato 3 gennaio 2015

Roma-Istanbul e ritorno (con gaudio)

Per la serie non ci manca neanche al lat ed galeina (vedi post precedente), lo scorso mese di dicembre mi sono attraversata con disinvoltura l'Impero Romano da Occidente ad Oriente: weekend romano e viaggetto di capodanno a Istanbul. Ed è su quest'ultima che posterò le mie impressioni; e non perché Roma sia meno degna di suscitarne (anzi, mi si permetta di pensare il contrario).
L'ho pensato, in ordine sparso, di Barcellona, Praga, Brema, Berlino, Amsterdam, Lipari, l'Isola del Giglio: qui ci verrei a vivere. Non l'ho pensato di Istanbul; città che merita sicuramente una visita, ma che sta bene dove sta. Enorme, caotica (13 milioni di abitanti!), perennemente inghiottita da file di auto-immobili che urlano col clacson la loro frustrazione, brulicante di bambini abbandonati a se stessi che chiedono l'elemosina o improvvisano scenette per aggirare i turisti, con collegamenti non all'altezza di una città così sterminata. Inoltre non è così economica come ci si aspetterebbe, almeno nelle zone turistiche, e le file per i monumenti principali possono essere davvero estenuanti. Una notazione sul meteo: dicembre è il mese più piovoso (piove 1 giorno su 2), e può anche nevicare e tirare vento freddo.
Per quanto riguarda il cibo...ecco, a Istanbul il concetto di "cucine del mondo" non è arrivato: i ristoranti più esotici sono dei tristi ristoranti italiani o i fast food. Quindi, kebab. Col pane, col riso, con le verdure, ma sempre kebab. Provate il tè turco!
Di seguito le attrazioni plurisegnalate dalle guide, tutte nella parte vecchia (europea) con i miei commenti/suggerimenti:
- Moschea blu. Splendida all'esterno, ma all'altezza della sua fama anche all'interno. Purtroppo l'ingresso, peraltro gratuito, può costare ore di fila. Un buon modo per aggirarla si è rivelato essere quello di aggirarsi nella piazza antistante il venerdì 30-40 minuti prima dell'apertura, che quel giorno è alle 13.30 causa preghiera. Le donne devono indossare il velo e tutti si devono togliere le scarpe all'ingresso. Ci sono comunque altre moschee più piccole, meno celebri e meno prese d'assalto molto suggestive.
- Basilica di Santa Sofia. Di fronte alla moschea blu. L'intento del sultano che fece costruire quest'ultima era quello di affermare il potere ottomano rivaleggiando in maestosità e bellezza con Santa Sofia. Intento a mio parere pienamente raggiunto. Santa Sofia è stata deludente e l'ingresso costa 30 lire turche (circa 10 euro); ho apprezzato più che altro i tanti mansueti gatti che la popolano. A proposito, Istanbul è la città dei gatti: sono ovunque e se la passano alla grande, si lasciano accarezzare e fotografare volentieri.
Il bazar delle spezie
- Cisterna-Basilica. E' un acquedotto romano, del 500 d.C.. Costa 15 TL e se ci andate la mattina presto potete evitare la coda (nel mio caso, ho approfittato di un 31 dicembre assai morigerato per andarci il 1° gennaio quando mezza città probabilmente dormiva ancora). STU-PEN-DA. Si deve vedere.
- Topkapi (palazzo del sultano). Costa 30 + 15 (per l'harem) TL; l'harem è la parte più bella, quindi conviene fare il biglietto intero. Le file per biglietto, poi ingresso, controlli di sicurezza, cancelli automatici possono essere delle carneficine. Ma il posto (e il diamante del sultano) merita.
- Gran Bazar e Bazar Egiziano (mercato delle spezie). Impressionanti. C'è da perdersi e infatti ci si perde ed è bello così. E' il più grande mercato coperto del mondo. Una meraviglia.
Nella parte nuova non c'è molto di diverso da qualsiasi grande città. Segnalo però il mercato del pesce e il quartiere Tophane, dove troverete moltissimi bei locali dove fumare il narghilè, davvero da provare.
Se non siete appassionati di moschee o altri edifici religiosi, 3-4 giorni sono sufficienti per farsi un'idea della città...e tornarsene volentieri nella parte occidentale dell'Impero.
-----------------------------------------
Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.

lunedì 29 dicembre 2014

Quando due rumene, un polacco e una siciliana (emigrati in Germania) raccontano il comunismo

Ebbene sì, cara Gio, te lo avevo detto che mi avevi ispirato un post!
Per chi non la conoscesse, la Gio è una delle "sorelle della mia scelta". La nostra amicizia è stata un diesel, anche se ci conosciamo da 20 anni (Gio, sono passati 20 anni, ti rendi conto???). Adesso però il motore ha carburato, e niente lo ferma più, anche se ci si sono messi di mezzo 700 km.
Da http://www.blog.oneholidayrentals.com
Qualche giorno fa, sul nostro filo diretto Italia-Germania ha fatto la sua comparsa una sua "riflessione della domenica", scaturita da una chiacchierata tra sigari e ricordi d'infanzia con altri ragazzi emigrati in Germania, ma da Paesi dell'Est. Ricordi di bambini muniti di tessere per ritirare la propria razione quotidiana di latte, di quell'unica marca di biscotti a loro concessa; di popoli che per lunghi anni nulla più di quanto concesso hanno osato sperare di avere o di fare. 
Più recentemente mi sono trovata su un treno, spettatrice di una ininterrotta quanto molesta conversazione fra tre giovani di 25-30 anni, i cui punti cardine vertevano intorno a notazioni quali in Italia va tutto male, tanto c'è la crisi, lavorano solo i raccomandati, bisognerebbe mandarli tutti a casa, all'estero sì che le cose funzionano.
Non starò qui ad enumerare le tante tristi vicende di ottusità e pochezza di un Paese, il mio, che lasciano esterrefatti ed arrabbiati, tanto più perché avvengono laddove di potenziale ce ne sarebbe ben più che in altri posti. Facile, per non dire paraculo: è tutta colpa loro, è tutta colpa della crisi.
No, allora, completiamo il quadro. Nel 1989, mentre i suddetti bambini stavano in fila per il latte, io andavo alle scuole elementari, facevo danza due pomeriggi la settimana e pianoforte il venerdì perché così mi andava, salvo poi non proseguire nè l'una nè l'altro perché non mi andava più. Andavo tutte le estati al mare con i miei genitori e in montagna con i nonni. Ho poi fatto scuole medie, liceo, autogestioni, università (Ingegneria, poi anzi no Geologia), interRail, Erasmus, dottorato; ho fatto più viaggi di quelli che i miei genitori e i miei parenti messi insieme hanno mai fatto, ho dormito in tutte le case che volevo e sono tornata all'orario che mi pareva.
Il quadro completo implica cioè che sono vissuta e vivo in un Paese libero. Che come tale può anche andare liberamente a rotoli, come le vite dei suoi abitanti, ma nel quale una scelta c'è. C'è sempre.
E se il politico può scegliere di essere onesto, anche se qui è difficile perché tanti non lo sono e magari se la passano anche bene; anche la persona comune può scegliere. Scegliere di fermarsi alle strisce pedonali, di fare uno scontrino o di richiederlo, di spogliarsi di titoli, pretese, supposti diritti per farsi umile e darsi da fare, perché il tempo dei diritti acquisiti è passato e forse è giunto il tempo di meritarseli certi privilegi.
Mandiamoli tutti a casa. Benissimo. Ma siamo sicuri che, messi nelle stesse condizioni, noi saremmo meglio di loro?
Sputare sul piatto che ti ha nutrito, e che ti ha reso ben pasciuto, con lo smartphone in tasca e la settimana bianca, non mi sembra un buon presupposto per una lucida operazione di autocritica e di auspicabile miglioramento.


-----------------------------------------
Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.

mercoledì 26 novembre 2014

GHI...il riciclo continua



G di GORGONZOLA
Ovvio il risotto (buono). Altrimenti un aperitivo (adoro). Mescolate il gorgonzola con un formaggio più delicato, o, in assenza, con un goccio di latte. Prendete una bella mela rossa come quella sopra descritta, croccante e acidula: tagliatela a cubetti senza sbucciarla e bagnatela con succo di limone. Componete dei crostini con fette di pane tostato, rigorosamente avanzato, crema di gorgonzola, pezzetti di mele e se ce l’avete un po’ di noci/pinoli tostati.

H di HAMBURGER ovvero come farli senza andare al fast food
Li ho fatti tante volte e danno una grande soddisfazione. Basta dotarsi di buon macinato di manzo, aggiungere qualche cucchiaio di parmigiano, sale, pepe, erbe aromatiche a piacere…io aggiungo anche qualche goccia di worcester e tabasco. Un buon metodo per avere una forma regolare è mettere una pallina di questo composto dentro uno schiacciapatate, fra due dischi di carta forno.
E siccome di carne ne mangiamo anche troppa, provate anche il veg-burger! Io al posto della carne uso di solito melanzana o comunque una verdura bollita (o meglio, cotta nelle buste da microonde), schiacciata insieme a un legume, perfetti i ceci. Ci andrà un po’ più di parmigiano o pangrattato, perché il composto resta più acquoso. Volendo si può aggiungere un uovo per legare meglio.

I di INSALATA
Ebbene sì, spesso compro l’insalata in busta. Lo so, non si fa. Ma sebbene mi avventuri volentieri in piatti anche piuttosto laboriosi e complicati, sono molto pigra quando si tratta di lavare l’insalata; inoltre, non amandola particolarmente, le buste di insalata mista me la fanno apparire meno sconfortante.
Avete presente una busta di quelle, prossime alla data di scadenza, anzi anche a scadenza superata di qualche giorno, quando l’insalata assomiglia ormai più ad un’alga…? Ecco, quella! Non cestinatela, cuocetela! Pochi minuti, qualche spezia, e diventa un contorno simpatico per una triste fettina di pollo alla griglia.

 

-----------------------------------------
Vuoi commentare questo post? Clicca sul titolo (se non lo hai già fatto) e automaticamente apparirà lo spazio per i commenti. Scrivi e seleziona "commenta come". Se non hai un account scegli "anonimo" oppure "Nome/URL" se vuoi identificarti. Prima di postare il commento ti verrà richiesto di digitare una sequenza di lettere o numeri per verificare che tu sia un essere pensante e non una macchina.